Versione desktop / mobile

Vallebona: il forno venduto

Vallebona: il forno venduto

Vallebona - Vico Forno.
Il Comune di Vallebona non ha in dotazione un grande patrimonio immobiliare ed è un peccato dover assistere alla vendita di parte di quel poco che possiede. Tuttavia ciò è accaduto e, nello specifico, ai locali delle ex docce pubbliche e dell’ex forno comunale, due stanze una sopra all’altra, ma con entrate autonome sull’incrocio di due diversi vicoli.
Senza nostalgia o reminescenza del tempo che fu, quei locali avevano a suo tempo offerto opportunità e servizi per la collettività e, benché fossero da molto tempo in disuso e dunque bisognosi di restauro, ci si stupisce di come sia potuta sorgere l’idea di venderli.
La cifra, 43.000 €, meno di 1.000 euro al mq.,  non era poi così significativa da permettere di risolvere chissà quale annoso problema economico e quei locali avrebbero potuto dare ancora delle possibilità alla collettività se solo si fosse pensato a come destinarli.
In un'epoca in cui ci si avvale di micro-economie per sopravvivere ad una floricoltura agonizzante, sarebbe stato opportuno valutare il restauro e l’insediamento di una cucina a norma in una stanza e una linea di imbottigliamento dell’olio, delle salamoie e di altre conserve nell’altra. Il cibo, oggetto di Expo 2015, è uno degli argomenti più importanti del momento e un paese agricolo non può prescindere dalle sue potenzialità.
Con un prodotto di nicchia come L’acqua di fior d’arancio amaro, che è già presidio Slowfood e pubblicizzato ad ogni manifestazione nazionale di rilievo (vedi Salone del gusto di Torino, per citarne uno recente); con una ricetta di ravioli elaborata dalla Pro Loco, che ha dato lustro e fama al paese grazie alla sagre; con un’intera generazione di ragazzi che ha frequentato la scuola alberghiera; con la ristorazione che settimanalmente garantisce il flusso di almeno un centinaio di persone in bassa stagione, come non si è potuto pensare che esistessero già significativi presupposti per andare in una certa direzione?
Scuole di cucina per i turisti, laboratori per i bambini, possibilità alle persone con turni prenotati di cucinare piatti dolci o salati in ambienti idonei e in regola… il tutto nel cuore del paese, laddove un tempo pulsava la vita della comunità e che ora è terribilmente spenta.
Immagino già le obiezioni: c’è poco spazio, non ci sono soldi, non interessa a nessuno. E invece il problema è un altro: quello che  manca è la politica della comunità, una visione finalizzata a dare impulsi affinché il “bel paese” esca da quell’apparenza sterile e trovi forme di vita e, di conseguenza, di economia, con idee e progetti presumibilmente finanziabili da parte della Comunità Europea.
Mi stupisce infine il fatto che tutte queste cose il vice-sindaco le sapesse, in seguito ad un incontro post elettorale avvenuto a giugno con i rappresentanti degli enti che operano nel paese. Gli era stato detto questo ed altro, tutti elementi che avrebbero dovuto essere analizzati al fine di fare veramente una politica tangibile per la comunità. Ed invece picche.
Il mio modo di essere, che non può scindere il cuore dalla ragione, reagisce a questo evento con disappunto e con profondo dispiacere. Nulla da ridire sull’acquirente, anzi, è una persona di tutto rispetto, il problema è un altro. Il problema è che la storia non si vende, la storia si fa.

Pia Viale
8 dicembre 2014

> Scarica questa News in versione .pdf




<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed