Versione desktop / mobile

''Su come trattare i turisti e chi, come me, ha dimostrato di amare Bordighera''

''Su come trattare i turisti e chi, come me, ha dimostrato di amare Bordighera''

- Alla c.a. del gent.mo Sindaco di Bordighera (con delega al Turismo) - Dott. Arch. Giacomo Pallanca.
Signor Sindaco buongiorno.
Mi chiamo Paolo Clementi, sono residente a Piacenza e da 20 anni vengo in vacanza nella sua città, sia d’estate che durante le vacanze invernali. Ci siamo conosciuti alla presentazione del mio romanzo “Angeli notturni di rosso vestiti” ed. De Ferrari di Genova, ambientato a Bordighera, città ormai entrata nel mio cuore e, dalla lettura del mio romanzo le assicuro che sono partite decine di persone di mia conoscenza per scoprire i luoghi di cui parlo nel romanzo, a cui ne sono seguite altre decine solo con il passaparola. Questo solo per dire quanto ho dato, in termini emotivi, alla città che lei ben amministra.
Questo è quanto mi succede.
Affitto da ormai 15 anni un appartamento in corso Italia: anche se l’appartamento ha un milione di problemi (impianto elettrico non a norma, tapparelle sempre rotte, scarichi del lavandino perennemente intasati, catena del water che devo aggiustare alla bell’e meglio con il nastro adesivo, lo stesso che uso per sistemare la tappezzeria che cade a pezzi e tanto altro) è lo stesso, non mi sono mai lamentato. Mi piace la “location” e poi vengo in vacanza a godermi Bordighera, estate ed inverno. Non sono “noioso”, mi adatto alle cose ed inoltre faccio venire non so quante famiglie amiche a Bordighera ad affittare case o in alberghi del posto. Vengo anche quest’inverno e dico alla proprietaria che, come al solito ci saremmo rivisti per l’estate. Mi annuncia qualche lavoro di ristrutturazione (quattro pennellate, quattro mobiletti Ikea e forse la messa a norma dell’impianto elettrico).
Telefono l’altro giorno per salutarla e per la conferma “estiva” e mi dice, stranamente, di contattare suo figlio che abita in Spagna. Telefono in Spagna al figlio che mi comunica senza giri di parole “L’appartamento è già affittato”. Risposta mia: “Ma guardi che vengo in quell’appartamento da 15 anni, poteva almeno contattarmi!”.  Risposta sua: “Io affitto l’appartamento a chi c…. voglio!”
Questo è quanto. Dopo aver lasciato ai suddetti decine e decine di migliaia di euro ed aver avuto con la proprietaria sempre ottimi rapporti. Non ho mai disturbato né causato danni e ho ancora in quell’appartamento alcuni oggetti personali di uso pratico. Tragga un po’ le sue conclusioni. Io so solo che non si possono trattare così i turisti, specialmente quelli affezionati come il sottoscritto e la mia famiglia. Semplicemente. Un atteggiamento prepotente, ignorante e vergognoso.
Naturalmente tornerò a Bordighera, ormai ho tanti amici e non riesco più a staccarmi dalla “luce” e dai vostri paesaggi. Ma se sono trattato così una seconda volta, magari ci ripenso.
Suo, dott. Paolo Clementi.

La Redazione
2 aprile 2016

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed