Versione desktop / mobile

PROVERBI DIALETTALI DI BORDIGHERA

Statistiche
         
 

 

PROVERBI

 

 

    PROVERBES    
    PROVERBS    
    SPRICHWORTER    
    PROVERBIOS    
           
Cume fà u catru d'arvì, fà pe caranta di.   Come fa il quattro aprile, fa per quaranta giorni.
Deinà au baucun, Pasqua au tizun.   Natale al balcone, Pasqua al tizzone.
Chi nu ciagne nu teta.   Chi non piange non succhia il latte.
U murtà u spusa sempre d'agliu.   Il mortaio  puzza sempre d'aglio.
Tutu loche pende, rende.   Tutto ciò che pende, rende.
U Segnù u ne sèra ina porta se u nu dreuve in purtun.   Il Signore non chiude una porta se non apre un portone.
Se fuse induvin nu sareva meschin.   Se fossi indovino non sarei meschino.
A rasa a stirasa e a stirpe a fa genia.   La razza si trascina e la stirpe si genera.
U pin u nu fà che pigna.   Il pino non fa che pigne.
Agustu u seca u custu.   Ad agosto secca il cespuglio.
Biseugna pigliae u tempu cume u ven e a munea cume a cure.   Bisogna prendere il tempo come viene e la moneta come corre.
Se ti voi in bon veijin nu staghe a rumpe u belin   Se vuoi un buon vicino non rompergli le scatole
De sentu marsi nu ghe n'è un bon.   Di cento non ce n'è uno buono.
Tute e cose i ven a tagliu anche e unge per perà l'agliu.   Tutte le cose vengono a tagli anche le unghie per pelare l'aglio.
Frevaretu u curtu u l'e pezu d'in turcu.   Febbraio corto è peggio di un turco.
U mundu u l'è fau a scara gh'è chi a munta e gh'è chi a cara.   Il mondo è fatto a scale, c'è chi le sale e c'è chi le scende.
Ina man a lava l'autra e tute due i lava a facia.   Una mano lava l.altra e tutte e due lavano il viso.
Cavalùn de mà, su de frevà, ciagne de dona, nu te fià   Cavallone di mare, sole di febbraio e piangere di donna: non ti fidare
A chi se taglia u nasu ghe cara u sanghe in buca.   A chi si taglia il naso cola il sangue in bocca.
Megliu lecae che morde.   Meglio leccare che mordere.
A prima gaglina ca canta l'è chela ca l'a fau l'euvu.   La prima gallina che canta è quella che ha fatto l'uovo.
Gran trunada, poca aigada.   Quando tuona molto, piove poco.
A cavalu giastemau u pe u ghe lusgie.   A cavallo "bestemmiato" il pelo brilla.
U freidu e u caudu nu se u mangia i rati.   Il freddo e il caldo non se lo mangiano i topi.
Pe rusu, cativa lana.   Pelo rosso, cattiva lana.
Savatè fà u to mestè.   Ciabattino fa il tuo mestiere.
Candu u gatu u sente l'audù du rosto u se berleca.   Quando il gatto sente l'odore dell'arrosto si lecca i baffi.
Corpu d'oegliu u nu lascia negrun.   Colpo d'occhio non lascia livido.
Chi con a cuita s'apareglia, cun a cuita s'è aparegliau.   Chi agisce con premura, con la premura si trova mal servito.
San Bastian i mascari i van.   San Sebastiano le maschere vanno.
Se nu ceuve in ru mese d'arvì, loche, è nasciuu u turna a meuiri.   Se non piove ad aprile, quello che è nato torna a morire.
L'unsa a fa carà u cantà.   L'oncia fa scendere la bilancia.
Ne de magiu ne d emagiun nu impegnate u peliciun.   Nè di maggio nè di giugno non impegnarti il pellicciotto.
Chi sara in ra luna d'arvì, perde anciue  ebarì.   Chi sala durante la luna d'aprile, perde acciughe e barile.
Chi campa tutu l'anu vè tute e feste.   Chi vive tutto l'anno vede tutte le feste.
A paiela a l'a ditu au paireu: tirate in la che ti me tenzi.   La padella ha detto al paiolo: tirati in là che mi tingi.
Sciurisce a viuleta, nascie a prusgieta.   Fiorisce la violetta, nasce la pulce.
De caiche ren biseugna meuire.   Di qualche cosa bisogna morire.
Tut'aiga a morcia feugu.   Tutt'acqua spegne il fuoco.
Chi nu ne veu nu ne merita.   Chi non ne vuole non ne merita.
Ragliu d'ase u nu l'ariv au celu.   Il raglio d'asino non arriva in cielo.
Santa Caterina che se i fa se i nina.   Santa Caterina che se li fa se li culla.
Ne cun u tortu ne cun a raisgiiun nu lasciate mete in preisgiiun.   Nè con torto nè con ragione non lasciarti mettere in prigione.
Chi nasce de gatu spusa de gnau.   Chi nasce da gatto puzza di miagolio.
Chi nu ne veu casa e paireu.   Chi non ne vuole, mestolo e paiolo.
Celu fatu a pan se nu ceuve ncheui u ceuve duman.   Cielo fatto a pane se non piove oggi piove domani.
Ciù me segnu, ciù lampa.   Più mi faccio il segno della croce, più lampeggia.
Mercante e porcu i se pesa dopu mortu.   Mercante e maiale si pesano dopo morti.
Biseugna fa u pasu segundu a gamba.   Bisogna fare il passo secondo la gamba.
A Santa Catarina l'aigaglia a diventa brina.   A Santa Caterina la rugiada diventa brina.
Duve gh'è u fumu gh'è u feugu.   Dove c'è il fumo c'è il fuoco.
Megliu che ren, mariu gramu.   Meglio che niente un marito cattivo.
U tantu studià u ven da u pocu savè.   Il tanto studiare viene dal poco sapere.
Ciù gagline, ciù pevia, ciù merda au giuncu.   Più galline, più pipita, più concime al giunco.
Sacu veuiu u nu sta dritu.   Sacco vuoto non sta dritto.
Candu ghe u pan e u vin se po invità u veixin.   Quando c'è il pane e il vino si può invitare il vicino.
Chi gagna de prima man va a ca cun e braghe in man.   Chi vince di prima mano va a casa con i pantaloni in mano.
De zenà l'è belu patelà.   Di gennaio è bello pescare le cozze.
L'amue u l'è ciù forte che u brusu.   L'amore è più forte del "brusso".
Fa du ben a Giuan che poi u te caga in man.   Fai del bene a qualcuno che poi te la fa in mano.
De sentu marsi nu ghe n'è un bon.   Di cento marzi non ce n'è uno buono.
De neote i previ i pan scignure.   Di notte i preti sembrano donne.
San Bastian in'ura e in pasu de can.   San Sebastiano un'ora e un passo da cane.
Chi arroba a in ladrun g'a sentani de perdun   Chi ruba ad un ladrone ha cent'anni di perdono
Senza oeriu e senza paiela nu se peu frize.   Senz'olio e senza padella non si può friggere.
Va ciu l'unze che u duze.   Meglio ungere che il 12.
Carca Nicò che ti me dai a vita.   Amami tanto che mi dai la vita.
Tutu vegne a taiiu fino a unge pe perà l'aiu.   Tutto serve anche le unghie per pelare l'aglio.
Settembre e fighe a pende.   A settembre maturano i fichi.
Levante se nu ciove l'è in brigante.   Finito il vento di levante deve piovere.
A san Michè e strasse i pan mè   A San Michele gli stracci sembrano miele
Lampi, troi e ventu a tera.   Lampi, tuoni e vento, brutta giornata.
Punente ciove a rente.   Finito il venti di ponente piove vicino.
Avanti chi dan e candere.   Avanti chI vuol farsi vedere, danno le candele da portare.
Chi manesa lecheza.   Chi va la mulino si infarina.
Chi veù esse bousgiairu prevega u tempo.   Chi vuole essere bugiardo preveda il tempo.
Padruna basta mezi litri.   Non ne posso più.
A can veciu nu dighe a cucia.   Ad una persona intelligente non occorre dire come comportarsi.
Meura vecia bastu neovu.   Al lavoratore esperto, strumenti nuovi.
Porcu netu nu l'è mai grasu.   Il maiale pulito non è mai grasso.