Versione desktop / mobile

Lettera aperta a Giancarlo Pignatta da Luca De Vincenzi

Lettera aperta a Giancarlo Pignatta da Luca De Vincenzi

Caro Giancarlo,
è sempre interessante leggere le tue opinioni di giornalista, di particolare interesse il resoconto dell’ultimo Consiglio comunale:
http://www.bordighera.net/consiglio-comunale-tutto-un-mondodi-rifiuti-n58892
dove hai messo davanti al dovere di informazione, il piacere della provocazione.
È vero che per farsi leggere occorre destare curiosità ed è anche vero che gli aspetti scabrosi e i pettegolezzi attirano il lettore per cui il giornalista cerca l’eccitazione fino all’orgasmo provocato dal versamento del sangue del nemico. Questo cercano alcuni giornalisti, per poi trasmettere attraverso lo scritto la stessa eccitazione al voglioso lettore.
Capisco quindi la tua delusione quando hai capito che non sarebbe stato versato sangue e il nemico non sarebbe stato bruciato sulla pira. Un giornalista che subisce un coito interrotto rischia di non eccitare il lettore ma tu sei del mestiere e sei riuscito, anche con una sola mano, a rendere efficace il tuo articolo.
Il Consiglio comunale ha un pubblico ma il copione è per gli attori una cosa seria (lo è anche informare i cittadini); è il luogo dove si prendono le decisioni a favore della città, si denunciano le mancanze di chi ha l’onore e l’onere di amministrare e decidere, si fanno le proposte per migliorare la vita dei cittadini, per promuovere il benessere economico e sociale.
Ti abbiamo annoiato Giancarlo, animale da palcoscenico, che hai familiarità con il teatro e la finzione scenica ma l’amministrazione di una città, lo studio e l’applicazione delle norme, la risoluzione dei problemi e la visione del futuro della città per le giovani generazioni richiedono un impegno diverso, una passione che non conduce ad una eiaculazione precoce ma alla soddisfazione dei risultati duraturi prodotti dalla forza delle idee.
Certo, come opposizione abbiamo armi spuntate ma non puoi non prendere atto che, grazie alle diverse iniziative - la richiesta di dimissioni dell’Assessore, la richiesta di Commissariamento del Servizio, la convocazione del Consiglio comunale, le continue segnalazioni di atti di inciviltà e carenze nel Servizio - abbiamo sensibilizzato la Maggioranza e l’azienda responsabile del Servizio, contribuendo ad arginare il decadimento igienico sanitario e di decoro della città a beneficio dei cittadini, dei turisti, tuo.
La prossima volta ci impegneremo per fare meglio, non per salvarti dalla noia ma per salvare la città dall’abbruttimento.
Con simpatia.
Luca De Vincenzi.

La Redazione
30 giugno 2016

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed