Versione desktop / mobile

RACCONTO SU BORDIGHERA: LA BANDA TIRALEOGNI

Statistiche
     
 

LA BANDA TIRALEOGNI

 
 

La Banda Tiraleogni, complesso folcloristico Bordigotto degli anni 50 del secolo scorso.

Fondata nei primi anni 50 da un'idea di Davide Bedaglia e Angelo Lupi, che ne furono anche i finanziatori e con la cooperazione musicale e coreografica di di Poldino Ruggeri, che ne fu anche maestro, appare in pubblico per la prima volta con una sfilata e relativo concerto in tu paize veciu, in omaggio anche al cannone da cui trae il nome.  Fu accolta in Piazza del Popolo da una folla di paesenghi festante: era l'estate del 1953.

La base musicale era formata dalla "Banda Cattolica Di Perinaldo".

I contatti con le autorità erano mantenuti dal SignorCarlo Lavagna ( Ricordato in quanto sfilava sempre accanto al complesso indossando una fascia tricolore ed un cappello a cilindro).

Sponsor ufficiale era L'Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, che faceva capo al Signor Cesare Perfetto.

Il complesso era formato da circa 80 elementi, molti dei quali suonavano strumenti originali scaturiti dalla fantasia degli ideatori della banda stessa, che uniti ai colori rosso e blu della divisa e dall'ampia feluca che ne era il copricapo contribuivano al passaggio del complesso a creare un momento oltre che musicale anche di grande allegria.

Le piazze e le manifestazioni a cui ha partecipato, sono state molteplici, nella nostra riviera ha sfilato a  Ventimiglia, Sanremo, Finale Ligure Marina e Sestri Levante.

In Costa Azzurra nel Principato Di Monaco, Antibes, Cannes, Leluc eSaint Etienne:

In Piemonte a Bra, Canelli, Casale Monferrato, Intra, Pallanza e al carnevale di Torino.

Inoltre alla Festa della vendemmia a  Lugano in Svizzera. sono

Il miglior mazziere e tambur maggiore, messo a confronto con tutti gli altri complessi che durante le sfilate erano venuti a confronto è sempre risultato il nostro Antonio Bussani, che sempre in testa al complesso ne ritmava i tempi, con grande precisione.

A metà anni 50 l'eclettico e lungimirante Angelo Lupi, trova su una rivista l'annuncio che un'agenzia Americana vendeva appezzamenti di superficie lunare a pochi dollari, ed intuendo la grande promozione che il complesso bandistico ne può trarre decide di acquistarne un appezzamento. Portate a compimento le formalità, La Banda Tiraleogni divenne la prima banda ad aver diritto ad esibirsi sulla luna. L'eco di questa notizia fu talmente grande, che il telefono del Signor Lupi suonò ininterrottamente per giorni, i giornali la risaltarono talmente  che anche la R.A.I  giunse a Bordighera per un servizio e relativa intervista. Da quel giorno su tutta la corrispondenza del sodalizio fu messo in risalto l'acquisto lunare.

Altro capolavoro fu la bandiera disegnata, sempre, da Angelo Lupi  e realizzata con grande maestria dalle Suore dell'Apostolato Liturgico, in finissimo tessuto, essa fu donata al complesso dal Cava lier Gastone proprietario dell'albergo Esperia.

Purtroppo come tutte le belle cose ebbe vita breve, e per motivi di forza maggiore, concluse la sua bella e gloriosa esistenza nel 1961, ma molti bordigotti che ne fecero parte, come anche chi vi scrive la ricorda sempre con affetto e con un pizzico di commozione e nostalgia.

FRANCO ZOCCOLI