Versione desktop / mobile

POESIA SU BORDIGHERA: BORDIGHERA DI R.N. NELLE POESIE DI BORDIGHERA.NET

Statistiche
 

BORDIGHERA

 
     
     
 

Nell'estremo confin della riviera,

per colui che ancor non lo sapesse,

ha sede una città: è Bordighera

terra di sogno e fonte di ogni messe.

Alle falde del colle prealpino

con le Alpi che fanno da corona, 

riparata dal vento montanino,

favorita dal clima che le dona.

Il mare che lambisce le sue rive,

il costante tepor per tutto l'anno,

invitan lo stranier che è proclive 

a tuffarsi nelle acque a Capodanno.

Stupenda passeggiata in riva al mare, 

alla pari con quella a piè del monte,

gli scogli Sant' Ampelio da ammirare, 

tripudio di colori da ogni fonte. 

Gli inglesi alla fin dell'ottocento, 

ed anche la regina Margherita,

trovaron Bordighera un tal portento, 

da trascorrervi qui tutta la vita. 

Profusa di palmeti a non finire:

la città delle palme è proclamata, 

perfino il Vaticano, è tutto dire, 

con artisti e poeti l'han lodata.

Omaggio doveroso ai succennati: 

De Amicis, Garnier e poi Ruffini, 

qui vissero e sono ricordati, 

con Winter e i famosi suoi giardini. 

Il culto floreale è preminente, 

il garofano è il principe dei fiori, 

seguito dalla rosa onnipresente

col suo profumo e con i suoi colori. 

Nell'entroterra poi vi son gli ulivi, 

i vigneti, gli agrumi e le mimose 

e completano i campi suggestivi 

svariate piante grasse e tuberose. 

Il turismo procede ognor fiorente

con gli alberghi, le ville e le pensioni, 

offre asilo e conforto a tanta gente 

proveniente da tutte le nazioni.

In un quadro davvero celestiale

emerge Bordighera sullo sfondo, 

suscitando un coro universale:

E' il Paese più bello del mondo.

R.N.