Versione desktop / mobile

Bordighera: Sindaco Pallanca ''Per verde e paesaggio accordi transfrontalieri''

Bordighera: Sindaco Pallanca ''Per verde e paesaggio accordi transfrontalieri''

Ci aveva incuriosito l’iniziativa che Giacomo Pallanca, Sindaco ma anche architetto paesaggista, aveva assunto circa la ripresa della collaborazione con l’I.R.F. (Istituto Regionale della Floricoltura); notizia pubblicata sul nostro giornale mercoledì 25 scorso.
Ed è in virtù di questa curiosità che abbiamo incontrato il Sindaco per indagare altri approfondimenti in materia che riteniamo fondamentali, poiché costituiscono (l’ambiente, il paesaggio, il verde) una delle più invidiate peculiarità della nostra zona.
“Certo, - conferma Pallanca - intendiamo accelerare su questo fronte, che riteniamo strategico, per l’impostazione che deve assumere Bordighera su ambiente e clima, e veicolare così vecchie e nuove frequentazioni turistiche”.
“Dopodichè, - aggiunge il Primo cittadino - siamo andati oltre, partecipando ed aderendo ad un neonato progetto transfrontaliero denominato "Cophy Med" il quale mira a raggruppare, in una associazione specifica, molti comuni del Ponente Ligure e della Costa Azzurra per la tutela del paesaggio costiero e per costituire un serbatoio di idee e di progettualità sul fronte del preziosissimo ambiente naturale che ci accomuna”.
A precisa domanda risponde - che sì - centreranno anche le palme: “Ma  tutte le discussioni conosciute in passato sui metodi di lotta al malefico insetto le abbiamo volutamente lasciate da parte. Si vogliono scrivere pagine nuove e, possibilment,e risolutive, sui molti problemi riguardanti il territorio. Si pensi alla Vespa Velutina e al nuovo punteruolo, quello nero, che attacca anche altre essenze e non solo le palme. Vogliamo mettere insieme le conoscenze, scambiare informazioni, creando una vera e propria rete, fare – come si dice – sistema, di modo che interventi e decisioni raggiungano i successi sperati”.
“Assieme a noi, - continua il Sindaco - hanno aderito comuni liguri (Genova, Sanremo, San Bartolomeo) e francesi (Hyeres, Cannes, Nizza, Cap Ferrat e Mentone, che funge un po’ da capofila e organizzatore del raggruppamento). Con Jean Claude Guibal, primo cittadino mentonasco si sono gettate le basi per un osservatorio del paesaggio assieme all’I.R.F. e al CREA (Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura)”.
Come opereremo noi bordigotti all’interno dell’Associazione? Chiediamo.
“Con tutta la nostra conoscenza - ci risponde - e compatibilmente con le risorse che riusciremo a mettere in campo. Cercheremo anche di intervenire nei comparti privati per stimolare, aiutare, suggerire interventi e soluzioni. Come, ad esempio, fa già Mentone che ha a disposizione 60 giardinieri comunali e usufruisce di specifici studi e finanziamenti nazionali. Noi, ad ogni modo faremo il possibile - e di più – affinchè questo progetto sviluppi le migliori idee e concorra a soddisfare le soluzioni più attese”.
Fuori tema gli chiediamo notizie sulla Rotonda.
“Argomento - ci risponde con cortese fermezza - che non posso affrontare per ovvi motivi di riservatezza, nel momento in cui andiamo ad aprire le buste per le gare d’appalto. Siete tutti invitati martedì 31 maggio e mercoledì 1° giugno in Sala Giunta del Comune per saperne di più”.

a cura di Giancarlo Pignatta
28 maggio 2016



> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed