Versione desktop / mobile

Bordighera: le sarcastiche, ma non troppo, considerazioni di Tito Schiva

Bordighera: le sarcastiche, ma non troppo, considerazioni di Tito Schiva

Sull'intervento dell'Ing. Mario Gargiulo riceviamo contributo da parte di Tito Schiva, eminente botanico di fama internazionale, socio fondatore del Comitato di Via Romana.
"Mah... vedo che il vespasiano nella salita al paese alto da 40 anni ha un pilastro che sta cedendo. Aggiustarlo non costa nulla. Se avrò il permesso ufficiale (ci vuole poiché con le leggi attuali potrei essere perseguito) lo faro a mie spese.
24 amministrazioni non sono state in grado di ripararlo. Mi viene il dubbio che qualcuno aspetti che rovini per fare un bell'appalto!
Non vado più sulla passeggiata a mare perché NON vedo il mare. Forse non tutti sanno che i giovani vanno a fare il bagno a Mentone dove la spiaggia LIBERA é visibile ed é GRATIS!.
Bordighera ormai é un paese di VECCHI ((ME FIRST). Non sarebbe opportuno pensare a modulare la città per loro.
La zona pedonale in corso Italia va benissimo per quelli che stanno a Milano.
Le nuove luci led sulla romana fanno pena e tristezza. L’asfalto é pieno di rattoppi che consumano le sospensioni! Che fine ha fatto il fonometro (se non lo usano ne voglio un pezzo, quello che ho pagato).
La scogliera della piazza del municipio potrebbe essere resa un anfiteatro di piante grasse che non richiedono manutenzione, non sporcano, non si ammalano, ed “esotizzano” l’ambiente. Non sarà che manchiamo di coltivatori di piante grasse che si sentirebbero onorati contribuendo GRATUITAMENTE alla ambientazione verde?! (Con tanto di placca pubblicitaria!?)
I monconi di palme canariensis non abbattuti costituiscono pericolo gravissimo in quanto quando cederanno lo faranno senza alcun preavviso (e sono tonnellate)
Spianata Capo Ampelio sul mare: non ci starebbe bene un anfiteatro (tipo romano) all’aperto dove richiamare spettacoli in estate?
E difficile trovare una cittadina ligure dove i bidoni della spazzatura non sono adeguatamente “nascosti” ma non con palizzate che rendono “peggio il tacun che il bus!”. Pensate se Claude Monet fosse ora qui a dipingere la Romana. Magari i bidoni multicolori sarebbero uno stimolo romantico?
Per oggi basta così
Tito Schiva, di passaggio a Bordighera. “Nel presunto pieno possesso delle sua facoltà mentali”.

La Redazione
7 gennaio 2016

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed