Versione desktop / mobile

Bordighera: le ricerche di Ampeglio Verrando e Anna Maria Ceriolo sulla Punta di S. Ampelio

Bordighera: le ricerche di Ampeglio Verrando e Anna Maria Ceriolo sulla Punta di S. Ampelio

A ulteriore contributo sul dibattito sulla Chiesa e sulla Punta di Sant'Ampelio, pubblichiamo testimonianze raccolte da Ampeglio Verrando e da Anna Maria Ceriolo. I verbali presenti nelle raccolte sono inediti.
"La rotonda, o meglio il belvedere sulla Punta di S. Ampelio, è chiusa al pubblico da oltre sei anni (Ordinanza del Sindaco del 28 agosto 2007). Si trova a ridosso dell’antica chiesa protoromanica di S. Ampelio, risalente ca. al Mille, che aveva subìto nel tempo varie trasformazioni, tali da renderne irriconoscibile l’originalità.
Nel 1964-65 è  stata oggetto di una fondamentale indagine storico-archeologica da parte dell’illustre prof. Nino Lamboglia, che ha provveduto al parziale importante restauro dell’edificio sacro (vedi vari scritti del prof. Lamboglia, Direttore dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri).
Dalle sue testimonianze e valutazioni si evince che resta ancora da esplorare la suggestiva cripta protoromanica sottostante, come resta da indagare l’area ad occidente dell’attuale sagrato, cioè belvedere-posteggio e dintorni, considerando che presso la chiesa  nei secoli XI - XIII  sorgeva il Monastero-Abbazia, sede dei monaci Benedettini custodi del venerato corpo di S. Ampelio, con un cimitero (ancora funzionante alla fine del XV secolo).
Lì per costruire un casinò con antistante piazzale (1910-13), fu occupata una parte del sagrato e soprattutto venne elevato artificialmente il livello del suolo, cancellando l’antica “spiaggia di S. Ampelio”, con il deprecabile risultato di incombere sulla chiesa, affossandola e oscurandola, inoltre privandola della splendida prospettiva che da secoli aveva verso l’Esterel e le Isole di Lèrins.
Dopo la morte dell’amatissimo Parroco Abate P. Giacomo Viale (1912), amareggiato per la costruzione del casinò, in atto durante la fase della malattia che lo portò alla morte, la Parrocchia era “vacante” e retta temporaneamente da un Economo. Una situazione di debolezza di fronte alla Società del Kursaal (casinò).
Citiamo dai verbali delle sedute del CONSIGLIO DI FABBRICERIA DELLA PARROCCHIA DI S. M. MADDALENA  di Bordighera, presieduto dall’Economo don  Vincenzo Novella, 3 luglio 1912:
'Passando ad altro oggetto il Presidente (cioè lo stesso Parroco Economo don Novella) richiama l’attenzione dei sigg. Fabbriceri sopra lo sconcio avvenuto nelle vicinanze della chiesa di S. Ampelio, per colpa della Società del costruendo Kursaal di Bordighera, la quale facendo opere di sistemazione venne a sopprimere l’antica strada che, diramandosi dalla statale provinciale, e correndo parallela al detto Kursaal, giungeva fino al piazzale della stessa cappella. Osserva che la Cappella, oltre aver perduto la comodità della strada di accesso, si trova enormemente danneggiata a cagione del livello più alto del vicino piazzale del Kursaal, per cui le acque piovane con maggiore facilità verranno a scaricarsi verso la porta della chiesa. Tutto il Consiglio di Fabbriceria unanime si pronuncia per la rivendicazione dei diritti di S. Ampelio...'.
Riassumendo il seguito del verbale: sulla strada la Parrocchia aveva “un diritto incontestabile”; si fece un sopralluogo da parte dei Fabbriceri con il Cap.no Bottaco e l’ Ing. Giovannelli (l’amministratore e il direttore dei lavori del Kursaal); l’amministratore comunicò alla Fabbriceria la decisione di ripristinare la strada “nel modo e misura in cui si trovava”; la Fabbriceria diede il beneplacito "con aggiuntavi preghiera di eseguire il lavoro con buona premura” e incaricò l’ing. Rodolfo Winter di stendere una "relazione peritata dei danni eventuali subiti dalla Fabbriceria per il tempo che la strada era rimasta ostruita".
Dal verbale del Consiglio di Fabbriceria del 1° marzo 1913:
“Il Consiglio dà mandato al Presidente di insistere presso il sig. Cap. Bottaco, direttore del Kursaal, perché sia curata la riattazione dell’antica strada alla Cappella di S. Ampelio, e perchè vengano rimossi i legnami accatastati sulla piazzetta della stessa chiesa”.
E dal verbale del Consiglio di Fabbriceria del 12 febbraio 1914:
“Si constata poi che purtroppo la Società del Kursaal non ha mantenuto la promessa di ridurre la Piazzetta e la strada che porta alla Cappella di S. Ampeglio alla Marina allo stato in cui si trovava prima di intraprendere i nuovi lavori del casinò. Si delibera quindi di inviare al Rappresentante di detta Società, una lettera sottoscritta da tutti i membri della Fabbriceria, insistendo affinché venga allargata la stradetta di accesso alla Cappella in parola, collo sgombrare la terra che la ricopre. Affinché poi sia tolto l’inconveniente in parola, dovrà essere eretto un muro di separazione tra la piazza e la strada e vi si dovrà pure aggiungere il rispettivo canale, affinché l’acqua venga portata al mare”.
Gli interessi della Società del casinò prevalsero sulle nobili fondate ragioni dell’antica prestigiosa storia di S. Ampelio e della comunità parrocchiale di Bordighera, che aveva tentato di opporsi alla sopraffazione e dovette accettare un compromesso di sola riduzione parziale del danno. Sta di fatto che “i diritti di S. Ampelio” non furono rispettati.
Il casinò restò disastrato in seguito agli eventi dovuti al secondo conflitto bellico. Nel dopoguerra (1956-7) i ruderi furono demoliti. Oggi ne restano ancora le brutte fondamenta, in  pilastri di cemento che sorreggono il belvedere, transennato e inagibile. (Si vedano i molteplici vincoli posti su tutta l’area dal Decreto del ministro per i Beni Culturali e Ambientali A. Ronckey, del 17 marzo 1993. (Le delibere della Fabbriceria, sopra parzialmente citate, sono state ritrovate dopo, nel 1998).
Nel formato PDF allegato alcuni stralci di testimonianze significative espresse da personaggi illustri del mondo della cultura e dell'arte.
Ampeglio Verrando e Anna Maria Ceriolo".

La Redazione
28 marzo 2014

> Scarica il documento: Stralci di testimonianze

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed