Versione desktop / mobile

Bordighera: ieri lo spettacolo teatrale ''Con i miei occhi'' nella Giornata della Memoria

Bordighera: ieri lo spettacolo teatrale ''Con i miei occhi'' nella Giornata della Memoria

Ieri sera alle ore 21,00, lunedì 27 gennaio, Giornata della Memoria. Nell’atrio del  Palazzo del  Parco di Bordighera iniziano a radunarsi alcune persone, poi ancora e ancora sino a diventare gruppo folto.
Le porte che danno l’accesso alla platea sono ancora chiuse e la gente comincia a ipotizzarne i motivi. Dopo circa 15 minuti ci consentono di procedere ma veniamo subito bloccati da alcuni uomini delle SS in divisa. Uno di loro, con una torcia in mano, procede alla selezione. Gli uomini da una parte, le donne dall’altra, e così divisi a gruppi entriamo non solo come pubblico ma come inconsapevoli attori.
E’ così che inizia, sulle toccanti note del brano “Abiuras” di Franco Battiato, “Con i miei occhi” il nostro viaggio nel mondo dei deportati che non sono stati solo ebrei ma anche omosessuali, rom, malati di mente, oppositori politici, prigionieri di guerra, tutti definiti UNTERMENSCHEN “sottopersone” e per questo, solo per questo, perseguitati, seviziati, usati come cavie, trucidati, umiliati, derisi.
I 20 attori che fanno parte della compagnia teatrale Liber Theatrum, il regista della compagnia Diego Marangon, le 15 ballerine di M.E.T.A. DANZA, coreografate da Michela Andreoli hanno portato in scena il più difficile dei viaggi: il viaggio nella memoria per non dimenticare.
Gli attori così come le ballerine hanno saputo, grazie alla loro toccante e sentita interpretazione arrivare, come un pugno allo stomaco e come una stretta al cuore del pubblico, che solo dopo un’ora e mezza di spettacolo ha osato applaudire; farlo prima avrebbe interrotto l’energia che si era creata sul palcoscenico.
Per arrivare a questo non scontato risultato si erano preparati recandosi personalmente nel campo di sterminio austriaco di Mauthausen, più tristemente conosciuto come “il cimitero degli italiani” e li hanno potuto respirare in prima persona la realtà dei lager, potendosi così magistralmente misurare con  brani di autori quali Anna Frank, Joyce Lussu, Primo Levi, Bertold Brecht, nonché testimonianze di sopravvissuti.
Colonna sonora dello spettacolo la musica di Ludovico Einaudi ma anche un estratto dall’album “The belly o fan architect” di Wim Mertens, “Book depository” di Michael Nyman e “Exodus” dalla colonna sonora di Schindler’s List, musica che come in tutti gli spettacoli del regista Diego Marangon viene da lui stesso scelta con cura e ricopre un ruolo fondamentale.
- Interpreti: Alessandra Sorrenti, Carlo Ragazzi, Claudio Ristagno, Claudio Vecchio, Debora Gallo, Elena Triveri, Elisabetta Piccioni, Giorgia Pallini, Giuseppe Famà, Giuseppe Vertice, Lucia Lombardi, Mariapina Rebaudo, Marinella Lanteri, Marisa Brugnano, Moritza Morales, Monica Giannini, Moreno Campodoni, Silvia Nappini, Stella Perrone e Valentina Bruno.
- Ballerine: Alessia Greco, Beatrice Pirreri, Chiara Savona, Elena Orengo, Lorella Chiappalone, Lorena Miscera, Lucrezia Ghione, Mariantonietta Campese, Marta Chiorra, Matilde Mercati, Michela Granata, Monica Luci, Noemi Pipitone, Paola Chiono e Roberta Sasso.
Con la collaborazione di Coop Liguria.
La prossima data dello spettacolo “Con i miei occhi” al Teatro Comunale di Ventimiglia giovedì 30 gennaio ore 21,00. La mattina alle ore 10,30 per le scuole superiori: Geometri, Ragioneria e Liceo di Ventimiglia.
Info Liber Theatrum cell. 338.6273449 - libertheatrum@gmail.com
Ingresso libero.
Le imamgini fotografiche sono di Eugenio Conte.

Marina Redolfi Tezzat
28 gennaio 2014

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed