Versione desktop / mobile

Bordighera: ieri all'Anglicana le meravigliose melodie del trio ''Die Zauberflöte''

Bordighera: ieri all'Anglicana le meravigliose melodie del trio ''Die Zauberflöte''

Chissà se la signora Fanshave, quando fece erigere la piccola cappella dedicata ad Ognissanti nel 1873, poi diventata l’attuale Chiesa Anglicana, abbia mai pensato che un giorno avrebbe accolto le meravigliose melodie che ieri, domenica 31 marzo 2013, hanno rallegrato il pomeriggio di Pasqua di un pubblico non eccessivamente numeroso ma sicuramente attento e molto soddisfatto delle esecuzioni.
Si sono esibiti, nell’ambito del 28° Inverno Musicale, organizzato dal Comune di Bordighera, in collaborazione con l’associazione musicale “Terzo Rigo”, il trio “Die Zauberflöte” composto da Laura Guatti e Michele Menardi Noguera al flauto e Loris Orlando al pianoforte.
Il gruppo, il cui nome significa appunto “Il flauto magico”, hanno presentato una rassegna di brani di vari autori raccolti in un concerto dal titolo “L’opera in salotto”.
Andante & Rondò op. 25 di Albert Franz Doppler è stato il primo brano, seguito da tre duetti di Wolfang Amadeus Mozart tratti proprio da “Il Flauto Magico”.
Le 3 arie eseguite sono state: “Ecco io son l'uccellatore”, “La vendetta dell'inferno ribolle nel mio cuore” e “Una fanciulla o una donnetta”.
Dei fratelli Doppler, Albert Frank e Karl, è stato ricordata l’origine austriaca, nell’800, le numerose tournée compiute in tutta Europa, oltre un simpatico aneddoto: i due fratelli erano molto somiglianti ed uno di loro, Albert, era mancino.
Si fece quindi costruire un flauto adatto e durante i concerti si aveva l’impressione di una immagine speculare dei due.
Le esecuzioni del trio sono state davvero piacevoli, proseguendo con “La sonnambula” op. 42 sempre di Albert Franz Doppler mentre la “Carmen-fantasie” di Francois Borne è stata suonata da Laura Guatti al flauto e Loris Orlando al pianoforte con un’intensa intesa.
Francois Borne è stato un flautista e compositore francese di fine '800 e primi '900.
A seguire, del contemporaneo Ian Clarke, compositore e flautista inglese, è stata eseguita “Maya”, dal carattere esotico.
Il concerto si è concluso con “Fantasia sul Rigoletto di Verdi per 2 flauti e pianoforte” in onore del bicentenario della nascita del grande musicista e una “Parafrasi sulla Sonnambula di Vincenzo Bellini” eseguito dal trio con maestria in un’atmosfera di grande attenzione.
Il trio sarà nuovamente presente alla Ex Chiesa Anglicana domenica prossima 7 aprile dove sicuramente il pubblico, non distratto dalla festa pasquale, parteciperà ben più numeroso.
Ho raccolto all’uscita più di un parere favorevole a riguardo sia dell’esibizione del Trio che dell’intera manifestazione “28° Inverno Musicale”.
Una signora non più giovane mi ha confidato di aver scoperto quasi per caso questa rassegna e di non perdere neanche uno spettacolo, nonostante la sua veneranda età ed il vivere a Ventimiglia.
Sicuramente queste manifestazioni sono una buona opportunità per avvicinare la gente ad una cultura musicale senza tempo.
Aggiungo io, sarebbe piacevole veder una maggior partecipazione da parte di un pubblico giovane. Sicuramente la signora Fanshave sarebbe stata ancor più soddisfatta.

Valerio Moschetti
1 aprile 2013



> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed