Versione desktop / mobile

Bordighera: ci scrive Ferry sul rischio dattilifere attaccate dal Punteruolo Rosso

Bordighera: ci scrive Ferry sul rischio dattilifere attaccate dal Punteruolo Rosso

La scorsa settimana Michel Ferry, Direttore della Estacion Phoenix di Elche e Ricercatore Scientifico dell’INRA France, è stato a Bordighera con la moglie, e collaboratrice, Susi Gomez e con Robert Castellana del Giardino Sperimentale del Beodo.
Dopo essere stato ricevuto dal Sindaco Giacomo Pallanca, il giorno seguente lo abbiamo incontrato a Villa Garnier.
Durante quella mattinata nei giardini della villa dell'architetto francese Charles Garnier, tanti ed interessanti sono stati gli argomenti affrontati con Ferry, tutti legati alle palme ed al suo acerrimo nemico: il Punteruolo Rosso.
Nel corso dell'incontro una situazione di rilevante importanza illustrataci da Ferry ci aveva particolarmente interessati e, nel contempo, preoccupati: i diversi segni visibili, e relativi comportamenti, della Phoenix Canariensis e della Phoenix Dactilifera, una volta colpite dal punteruolo rosso.
Ci riferiva infatti Susi Gomez “Mentre nella Canariensis sono visibili i segni del Punteruolo Rosso che porta all’afflosciarsi della testa della pianta, nella dattilifera la presenza del coleottero non porta alcun sintomo e la testa appare perfetta sino al giorno in cui non rovina al suolo in quanto minata alla base stessa”.
E rovinando al suolo potrebbe comportare rischi gravissimi per l’incolumità delle persone che accidentalmente si trovassero in prossimità della pianta colpita.
E non solo la testa, o palla come può essere qualificata, ma il tronco intero della palma potrebbe rovinare a terra, secondo la documentazione fotografica proposta da Ferry.
Infatti ieri Michel Ferry ci ha fatto pervenire una serie di immagini fotografiche che documentano questo rischio che potrebbe creare una dattilifera colpita dal Punteruolo Rosso.
Per le nostre palme dattilifere il problema, per il momento, non dovrebbe sussistere in quanto pare certo che il coleottero privilegi quasi esclusivamente le sue incursioni nella Phoenix Canariensis ma è un campanello d'allarme, secondo gli studi di Ferry, da non trascurare assolutamente e da approfondire urgentemente con appropriati interventi.
Ferry, nella sua missiva, ci informa che "Con il crescente rischio di caduta di palme, abbiamo lanciato una campagna di informazione in Spagna come in Francia".
Per la Francia Michel Ferry ha inviato una mail al Ministero dell'Agricoltura francese per informarli del rischio.

Pier Rossi
17 dicembre 2013

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed