Versione desktop / mobile

Bordighera: ''Chelu casun pe u Biu''

Bordighera: ''Chelu casun pe u Biu''

Chelu casun pe u Biu.
Noi abitavamo in via Beodo, proprio sopra Bice e quella persona un po’ strana che vedevamo passare e scherzare con lei, credevamo venisse dai boschi.
La villetta citata sul Beodo era un casone costruito su una pila e trasformato in cottage “aereo” sulle fasce sottostanti.
La campanella che svettava sopra la porta metallica della villetta costituiva una irresistibile tentazione di farla suonare a distesa.
Voci di popolo raccontavano che Marcello Cammi, il cui atelier, molto naif, si trovava proprio sotto le fasce Bilinskiane, più di una volta aveva esploso in quella direzione, velleitari colpi di fucile, contro “si catru pelandrui chi fan casin tuta a noete e i nu lascia dorme a gente che l’induman a deve andà a travaià”.
Quante scoperte, anni dopo, della nostra vita sul Beodo e dei personaggi famosi che noi credevamo uscissero dai boschi.

Giancarlo Pignatta
27 settembre 2016

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed