Versione desktop / mobile

Bordighera: aperto il Giardino di Irene Brin per le visite di gruppo

Bordighera: aperto il Giardino di Irene Brin per le visite di gruppo

Erano i primi anni sessanta quando in Costa Azzurra nasceva la Fondazione Maeght, uno dei primi esempi di collezione artistica in un contesto ambientale. In quegli stessi anni Irene Brin arricchiva con opere d’arte provenienti dalla Galleria l’Obelisco il giardino della  sua casa di Sasso.
Un giardino gioiello arricchito di opere pensate ed ambientate proprio da Irene Brin, con la stessa cura con cui allestiva le piccole sale dell’Obelisco. Col passare degli anni, dopo la scomparsa di Irene molte delle opere hanno lasciato il giardino: ma la vocazione di galleria d’arte a cielo aperto è rimasta, ben interpretata da Vincent Torre, nipote di Irene Brin, che negli ultimi anni è divenuto lui stesso collezionista, collezionista di opere inserite nel giardino (le sculture di Porfidia e Manuelli), e di opere che si sono impossessate del giardino, facendolo diventare esso stesso opera d’arte (gli interventi di “land art” di Maria Dompè).
Dopo l'inaugurazione del 17 settembre 2011, un anno fa oggi, il Giardino di Irene Brin alla frazione Sasso di Bordighera, dopo la chiusura invernale, è riaperto dallo scorso 15 giugno e può essere visitato.
Al pomeriggio di tutti di giorni della settimana, su appuntamento, con gruppi formati da almeno una decina di persone, è possibile effettuare la prenotazione per la visita al Giardino, telefonando allo 0184/254005.

Pier Rossi
23 ottobre 2012

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed