Versione desktop / mobile

Bordighera: altri architetti

Bordighera: altri architetti

La presentazione del libro di Maurizio Spada, architetto Milanese, dal titolo “l’altro architetto”, avvenuta sabato pomeriggio, 7 Ottobre, presso la Sala Pompeo Mariani dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri, è risultata molto interessante per gli spunti che ha offerto, anche in relazione al nostro ambiente.
Ambiente bordigotto intendo, con le problematiche ambientali e paesaggistiche che nel tempo sono nate e mai affrontate, con la dovuta competenza e decisione, da Amministratori e Architetti. Meno che mai con la passione nei confronti di una peculiarità unica che la natura ci ha offerto: questo ambiente, questo paesaggio!
Inutile fare ricorso ancora una volta a Monet, Garnier, Winter, Bicknell, tutte persone che avevano capito anzitempo della necessità di adoperarsi per preservare i doni che la natura aveva scelto per Bordighera.
Avremmo dovuto già da tempo sostituirci a loro tramite Amministrazioni illuminate e professionisti appassionati per evitare il degrado a cui invece siamo approdati. Un degrado frutto di mancata progettualità ed interventi, nonostante consapevolezze e sapienze, a volte però troppo speculativamente impiegate. Un paesaggio che Garnier interpretava come uno scrigno all’interno del quale non necessitava mettere nulla di prezioso poiché conteneva già tutto per rendere straordinaria la nostra e la sua Bordighera.
Nonostante il tempo quasi scaduto possiamo ancora farcela – forse - a limitare i danni e preservarci un po’ delle preziosità passate: con il concorso di Amministrazioni lungimiranti e di altri Architetti.

Giancarlo Pignatta
9 ottobre 2016



> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed