farmacia centrale

Attività Commerciali

Associazioni Culturali


Associazioni Sportive

SVEVA ASSEMBRI: "LE ZECCHE" NELLE RUBRICHE DI BORDIGHERA.NET

SVEVA ASSEMBRI

 

LE ZECCHE

 

I principali generi di zecche presenti in Europa sono: Ixodes, Dermacentor e Rhiphicefalus.
Si tratta di insetti ematofagi (che si nutrono di sangue) responsabili sia di disagi all'ospite in cui causano sottrazione di sangue, problemi a livello locale (nel punto del morso) nonché della trasmissione di altri agenti patogeni.
Le zecche presentano 4 stadi vitali: l'uovo, la larva (a sei zampe), la ninfa (a otto zampe) e l'adulto. Il passaggio da uno stadio all'altro avviene dopo il pasto di sangue. Dopo l'accoppiamento, le femmine si nutrono fino a riempirsi (possono diventare di dimensioni 100 volte superiori a quelle iniziali), cadono dall'ospite e cominciano l'ovodeposizione con la deposizione anche di migliaia di uova.
Iniziata la schiusa, le larve iniziano la ricerca dell'ospite dove faranno il primo pasto di sangue e la muta. La ninfa a sua volta cercherà un altro ospite per diventare adulta.
Gli adulti infine vanno alla ricerca di un nuovo ospite, si nutrono, si accoppiano e il ciclo ricomincia.
Esistono molte varianti al ciclo vitale che dipendono dalla specie di zecca.
Rhiphicefalus sanguineus è la zecca del cane, la specie che più frequentemente infesta i mammiferi domestici. È di colore marrone e relativamente grande, non presenta macchie sul dorso e l'apparato buccale è corto. Durante il pasto è possibile reperirle soprattutto sulle orecchie e sul collo, ma in caso di infestazione massiva possono localizzarsi su ogni parte del corpo dell'animale.
Questa zecca si concentra maggiormente negli ambienti chiusi (canili) dove trova condizioni ottimali per lo sviluppo. Si trova per lo più in primavera ed in autunno, ma anche in estate se l'ambiente è sufficientemente umido. Durante l'inverno, questi parassiti possono mantenere la loro attività anche in luoghi a temperatura superiore a 10C° (case e canili quindi). I bidoni della spazzatura, possono attirare cani randagi portatori di zecche così come si possono reperire anche in zone boscose dove si ha il pascolo di grossi animali domestici.
Sul cane il morso di zecca determina una reazione eritematosa leggermente rilevata che tende a regredire 4-5 giorni dopo il distacco del parassita stesso. Possono essere associati anche prurito, perdita di pelo, desquamazione e presenza di croste.
Questa specie di zecca è responsabile della trasmissione della Babesiosi , Ehrilichiosi ed epatozoonosi canina nonché della febbre mediterranea nell'uomo. Il cane e l'uomo si possono infestare tramite il morso della zecca stessa o attraverso la contaminazione delle ferite cutanee con feci di parassita o parti del corpo dello stesso.
Ixodes ricinus è un parassita importante dei ruminanti domestici ed anche del cane. Predilige temperature miti e umidità per il suo sviluppo ottimale. Si può trovare prevalentemente nelle foreste , boschi, aiuole, terreni incolti, giardini e pascoli. È un importante vettore di una malattia infettiva, la malattia di Lyme.
Dermacentor reticulatus predilige le regioni fredde con elevata umidità. Gli stadi intermedi si possono trovare sui roditori mentre gli adulti abbondano sui cani. Questa specie di zecca è assente nell'area mediterranea mentre si sviluppa facilmente nell'Europa centrale. Anche essa è responsabile della trasmissione della Babesiosi e della Ehrlichiosi.
Dal momento che si tratta di parassiti che possono veicolare importanti malattie anche nell'uomo, diventa di primaria importanza la prevenzione dell'infestazione. È consigliabile l'utilizzo di antiparassitari specifici (nella maggior parte dei casi sono gli stessi utilizzati per il controllo delle pulci) durante tutto il periodo in cui questi animali sono attivi.
Nel caso in cui il nostro animale presenti una zecca, è consigliabile staccare il parassita. Si consiglia l'uso di un paio di guanti. Si può inumidire di alcol o di antiparassitario un batuffolo di cotone che verrà poi appoggiato sul parassita per qualche secondo. Afferrarlo con un paio di pinzette e ruotarle in un solo senso fino al distacco. Disinfettare la parte ed eventualmente chiedere consiglio al veterinario sull'uso di prodotti specifici.
Trattare immediatamente il cane o il gatto in modo da causare la morte delle altre zecche se presenti.
In caso di infestazione massiva, sarebbe conveniente portare il cane dal proprio veterinario per sincerarsi delle condizioni di salute generali, poiché le zecche possono causare gravi forme di anemia se sono presenti in gran numero sullo stesso animale.
Nel caso in cui un proprietario si accorga di essere stato morso da una zecca, il consiglio è di recarsi al pronto soccorso per gli accertamenti necessari.
Per il controllo ambientale, si possono utilizzare insetticidi specifici acquistabili nei negozi specializzati.