Versione desktop / mobile

''A mia Burdighea: paise du sù'', poesia di due studentesse del 1920

''A mia Burdighea: paise du sù'', poesia di due studentesse del 1920

Franco Zoccoli ci fa pervenire una poesia scritta da due studentesse bordigotte, compagne di classe, Elena Biancheri e Olga Furieri, del 1920:

"A mia Burdighea: paise du sù"

Oh, Segnù, te ringrasiu tantu
d'aveme fau nasce in te stu paise du sù!
Cuscì belu, scurin e verdu
cu me pà in paradisu.
E candu vagu in su a rutunda
e me gardu inturnu
me pà de ve tutu u mundu:
u cavu, u cavetu, i pin, i giardin
e i carugi du paise vecin.
Se vagu poi in ta ciasa du cumun,
duve nu gh'è ascuxi mai nisciun,
gh'è propriu ina bela cosa da vè
a statua gianca e a funtana de Magiargè.
Ecume dieva i nosci veci,
chi beve l'aiga de Magiargè
a Burdighea u ghe cianta u pè,
perchè, in tu mundu,
in posto ciu belu u nu gh'è.
E se m'incaminu giù pe a pineta,
me ven davanti de sant'Ampeiu a geixeta:
i scoi, a marina, i gagiai, e l'aria fina
E se me giru a punente,
prima che caire a seira,
vegu u lampecan:
tra cielu e marina,
ina destesa de curvi che te pà
ina cartulina,
u cadru d'in pitù.
Alura, o Segnù, te ringrasiu ancu,
d'aveme fau nasce in te stu paise du sù
e te digu grazie ancù ina vota
d'aveme fau nasce burdigota.

Elena Biancheri - Olga Furieri.

La Redazione
4 ottobre 2016

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed