Versione desktop / mobile

A Bordighera Alta le magiche armonie dei PaLaMaMa, clarinettisti e sassofonisti

A Bordighera Alta le magiche armonie dei PaLaMaMa, clarinettisti e sassofonisti

Si è esibito ieri sera, mercoledí 10 luglio, a Bordighera Alta, il Quartetto PaLaMaMa, composto da clarinettisti e sassofonisti di grande bravura.
Nella splendida cornice della Spianata del Capo, sulla quale è stato collocato il palco, un pubblico attento ha seguito l'esibizione dei musicisti, offerta dal Comune di Bordighera e facente parte della rassegna Bordighera Estate 2013.
Clarinetti e sassofoni si sono alternati offrendo magiche e sensuali armonie ai presenti che, tra l'altro, hanno avuto il piacere di ascoltare brani jazz, rag time, pezzi tratti da celebri colonne sonore, il tutto eseguito in modo impeccabile.
La bravura dei quattro virtuosi degli strumenti è stata dimostrata dal fatto che in tutto il concerto non sono stati aiutati da una base ritmica, ma hanno lasciato puro il suono dei loro fiati e ottoni.
Primo brano del concerto, è stato uno swing scritto da Paolo Gastaldi, uno dei musicisti della formazione, che ha recentemente inciso un disco proprio.
Si è poi proseguito con un pezzo rag time del 1942, dal titolo Copenaghen.
Di seguito, riportiamo l'intera scaletta:
- Bossalina di P. Gastaldi;
- Volverine Blues di Jelly Roll Morton;
- Summertime, arrangiamento per quartetto di P. Gastaldi;
- Oh lady be good, di G. Gerswin.
A questo punto, dopo aver conquistato i numerosi astanti, i PaLaMaMa si sono trasformati da quartetto di clarinetti a formazione di sax, suonando i seguenti brani:
- Banana Rag di C. Daguet;
- The diamond state di B.A. Evans;
- In the mood di J. Garland. Al termine di questo brano, scritto per il grande sassofonista Luis Armstrong, il quartetto è tornato ai clarinetti e ha eseguito:
- Ticotico di G.questo Gerswine;
- The clearnet's blues e Palamama di P. Gastaldi;
- Take five di P. Desmon;
- La vita è bella di N.Piovani;
- The Pink Panter di H. Mancini.
Si è tornati al sax con Fly me to the moon, di B. Howard, cavallo di battaglia del mitico Frank Sinatra.
- Saxofobia, di R. Wiedoeft;
- Father di P. Gastaldi, dedicata a tutti i padri presenti e a quelli che, purtroppo, hanno lasciato prematuramente i loro figli.
I musicisti hanno concluso i brani eseguiti con il sassofono con un arrangiamento di Oye como vas di Carlos Santana, chitarrista e compositore messicano di fama mondiale. Prima di lasciare il palcoscenico, i PaLaMaMa hanno regalato ai presenti un finale indimenticabile: il concerto si è infatti chiuso con una sestina degna di nota, composta da bellissimi e famosi brani che il pubblico, avendo in mano il programma, attendeva con impazienza:
- Yesterday, di J. Lennon/P.Mc Cartney;
- Libertango di A.Piazzolla;
- Satindoll di D. Ellington;
- Oblivion di A. Piazzolla;
- Night and day di C. Porter;
- The entertainer di S.Joplin.
Al termine del concerto, è stato possibile acquistare il primo cd del gruppo.
I PaLaMaMa sono Lara Guglielmi, clarinetto basso e sax tenore; Paolo Gastaldi, primo clarinetto e primo sax contralto; Massimo Fonti, secondo clarinetto e secondo sax contralto; Mauro Cortelli, terzo clarinetto e sax baritono.

Alice Spagnolo
11 luglio 2013

> Scarica questa News in versione .pdf



Galleria fotografica


<< Torna indietro


- Condividi

OKNOtizie Diggita Segnalo Fai.Informazione Digg Technorati Reddit Windows Live Rss Feed